BALNEARI E ALBERGHI, RISPOSTE IMPORTANTI DAL GOVERNO


img-news

A pochi mesi dall’inizio di una nuova stagione estiva, Governo e Parlamento stanno lavorando per dare agli operatori balneari nuovi strumenti di crescita e sviluppo.
Oggi a Palazzo Madama partecipo alla conferenza promossa dai gruppi parlamentari Pd e Alleanza Popolare di Camera e Senato dedicata al Disegno di legge delega sulla revisione e il riordino delle concessioni demaniali marittime a uso turistico e ricreativo. Un appuntamento, a cui prendono parte anche le associazioni di categoria, in cui il ministro per gli affari regionali Enrico Costa illustrerà il provvedimento.

Il disegno di legge è stato approvato nel Consiglio dei ministri del 27 gennaio scorso. E’ un provvedimento importante per la salvaguardia del sistema balneare italiano, frutto del lavoro che il gruppo interparlamentare di cui faccio parte ha seguito da vicino, oltre ad essere una questione di grande rilevanza per il nostro territorio. Nel rispetto della normativa europea il Governo ha impostato un provvedimento che guarda allo sviluppo e all’innovazione del comparto turistico: nel disegno di legge si riconoscono gli investimenti fatti dagli operatori sulle strutture balneari e viene valorizzata la loro professionalità, c’è poi un’attenzione particolare alle peculiarità territoriali. Credo che per la Romagna sia sicuramente una buona notizia, così come lo è per tutti gli operatori balneari d’Italia (30.000 imprese e oltre 100.000 posti di lavoro diretti).

Per le concessioni balneari si individua così un percorso più preciso, salvaguardando le specificità territoriali. Proprio per le innovazioni che verranno introdotte, ha sottolineato il Governo, è previsto tra i principi e criteri direttivi un adeguato periodo transitorio per l’applicazione della disciplina di riordino. Un tema, questo, che come Gruppo Pd avevamo sottoposto come necessario all’esecutivo e su cui siamo stati ascoltati. Sulla durata di questo periodo transitorio ci sarà un confronto in sede comunitaria e il Governo, come ha avuto modo di ribadire il ministro Costa, è pronto a battersi in difesa delle peculiarità del sistema balneare italiano.

Negli incontri che ci sono stati sul territorio, le associazioni di categoria hanno riconosciuto il buon lavoro portato avanti dal Governo. Fa piacere che lo sforzo fatto a livello governativo sia stato apprezzato dalle associazioni di categoria. In Parlamento ascolteremo i sindacati d’impresa per valutare insieme eventuali migliorie al testo e giungere nel più breve tempo possibile alla sua approvazione. Il Governo ha dato una risposta attesa, nel merito della questione, cercando di portare chiarezza in una vicenda che si trascina da anni e che ha rischiato di compromettere gli investimenti privati in un settore chiave della nostra economia come il turismo.

(16/02/2017)