BONUS CULTURA, UN’OPPORTUNITA’ PER 1.800 GIOVANI CESENATI


img-news

Dai primi di ottobre è possibile utilizzare il bonus cultura, i 500 euro che il Governo ha destinato a tutti i diciottenni residenti in Italia. Un’opportunità anche per i circa 1.800 ragazzi del Cesenate che sono diventati maggiorenni, o che lo diventeranno, nel corso del 2016. E’ bene che si informino i giovani su come ottenere questa importante agevolazione. D’altra parte è un’opportunità anche per le strutture che offrono servizi culturali e che si possono accreditare sul sistema 18app.

Gli esercenti della cultura (librerie, teatri, cinema, musei, parchi naturali, aree archeologiche, organizzatori di concerti) dal 15 settembre scorso possono accreditarsi sul sito www.18app.it, la piattaforma predisposta dal Governo per l’erogazione del bonus cultura. Anche i diciottenni si devono registrare su questo sito, previa richiesta dello Spid (il Sistema pubblico di identità digitale). Poi, scaricando l’applicazione, potranno generare i buoni spesa da utilizzare per usufruire di un bene o attività culturale. Per iscriversi su www.18app.it c’è tempo fino al 31 gennaio 2017.

L’Italia ha un immenso patrimonio culturale, un patrimonio che deve essere fruito e conosciuto. Il bonus cultura incentiva i giovani a frequentare i luoghi della cultura del nostro Paese. Attraverso 18app, inoltre, si compie un altro passo nel processo di digitalizzazione del nostro Stato, coinvolgendo direttamente le giovani generazioni. Con la Legge di Stabilità abbiamo destinato un fondo di 290 milioni di euro a questo progetto, che riguarda tutti i giovani che compiono i 18 anni di età nel 2016. Ognuno di loro ha a disposizione un bonus del valore di 500 euro, spendibile entro la fine del 2017. Il bonus potrà essere impiegato nell’acquisto di biglietti o abbonamento per cinema e teatro, per concerti e altri spettacoli dal vivo e ancora per libri o per accedere a musei, mostre, aree archeologiche, monumenti, gallerie, fiere culturali e parchi naturali. Anche nel nostro territorio c’è un’offerta importante e compatibile con questo progetto: le istituzioni e i protagonisti del nostro sistema culturale debbono promuovere questa opportunità, cercando di coinvolgere i ragazzi e valorizzare al massimo il bonus cultura.

(08/10/2016)