APPROVATA LA LEGGE PER CONTRASTARE IL CAPORALATO


img-news

L’Italia ha finalmente una legge che dice basta allo sfruttamento del lavoro in agricoltura: martedì sera la Camera ha infatti dato il via libera al Ddl 2217 “Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura”, presentato dai Ministri Martina, Orlando e Poletti, approvando il provvedimento così come licenziato dal Senato.

Un risultato molto importante del Parlamento: ora c’è un’apposita legge per contrastare il caporalato. Stiamo parlando di un reato gravissimo, particolarmente odioso perché sfrutta persone che fuggono dalla guerra o dalla povertà. Il Paese ha ora una legge di civiltà, che si va ad aggiungere ad altre importanti leggi sui diritti approvate in questa legislatura: il provvedimento definisce cosa significa sfruttamento, introduce sanzioni precise, attribuisce la responsabilità penale anche per le imprese che impiegano lavoratori in condizioni di sfruttamento e non solo al caporale, incoraggia a denunciare le illegalità e migliora le condizioni di sicurezza e di salute dei lavoratori. Vengono introdotti strumenti come la confisca dei beni, l’arresto in flagranza di reato e inoltre sono previste pene da uno a sei anni di reclusione per il caporale e il datore di lavoro che sfrutta i lavoratori.

Poi agisce sul piano della prevenzione, un aspetto dirimente per cambiare la situazione ed agire in modo incisivo anche a livello locale. Fondamentale è la realizzazione territoriale della Rete del lavoro agricolo di qualità, con la sperimentazione del collocamento agricolo e del trasporto dei lavoratori. Morire di fatica non è degno di un Paese civile. Così come non è più accettabile, nel 2016, essere costretti a scegliere tra un lavoro e la perdita della propria dignità: sulla dignità, come ha ricordato il ministro Martina in aula, non si tratta. Con questa legge ora ci sono tutti gli strumenti per combattere il fenomeno dietro al quale, non dimentichiamolo, ci sono le agromafie.

(19/10/2016)