LE ULTIME DAL SENATO E GLI AUGURI PER QUESTE FESTIVITA’


img-news

Si avvicina la fine del 2017 e nel rush finale di quest’anno – e anche di questa legislatura – abbiamo portato un altro importante contributo riformatore al nostro Paese. Quest’anno i lavori parlamentari si sono protratti fin sotto le festività natalizie e domani voteremo la Legge di Bilancio.

Dopo la legge sul fine vita, in Senato abbiamo approvato altri importanti provvedimenti. Tra questi il nuovo Regolamento del Senato: potrà sembrarvi una materia tecnica, per addetti ai lavori, ma in realtà – come ha ribadito il nostro capogruppo Luigi Zanda – le nuove norme regolamentari sono per la nostra democrazia parlamentare rappresentativa un investimento sul futuro, serviranno a renderla più forte, più efficace, più capace nell’affrontare la sfida di un mondo che ci chiede di risolvere nel più breve tempo possibile problemi sempre più complessi e più difficili da governare.
A mio parere è una riforma epocale che ci fa fare un balzo in avanti sulla qualità del lavoro parlamentare e dà tempi certi per l’approvazione delle leggi. E’ una legge su cui c’è stata un’ampia convergenza a Palazzo Madama, ma va dato atto al Gruppo del Partito Democratico di averla fortemente voluta.

Sul fronte dei diritti umani e civili abbiamo poi approvato la legge che tutela gli orfani delle vittime di crimini domestici. Un provvedimento che ci pone all’avanguardia in Europa, possiamo essere d’esempio a livello comunitario per queste disposizioni con cui lo Stato accompagna minori con un carico di sofferenza enorme in un percorso con misure di sostegno e indirizzo. E’ una legge molto concreta, che assicura alle vittime assistenza medico-psicologica, borse di studio, ma parla anche di formazione e di inserimento lavorativo. È poi stabilito il sequestro conservativo dei beni delle vittime, per rafforzare la tutela degli orfani rispetto al loro diritto al risarcimento del danno.

Abbiamo poi approvato la legge che rafforza le tutele ai testimoni di giustizia. Un testo ampio e articolato che fa proprie gran parte delle proposte che la commissione parlamentare Antimafia ha esplicitato nella Relazione sul sistema di protezione dei testimoni di giustizia approvata dalla stessa Commissione nella seduta del 21 ottobre 2014.

Su questi tre provvedimenti c’è stata un’ampia convergenza parlamentare, a testimonianza di come buone riforme possano essere portate avanti con un lavoro capace di andare oltre alla maggioranza. Nei prossimi giorni tornerò su questi provvedimenti e in una prossima newsletter vi darò conto delle misure contenute nella Legge di Bilancio che domani approveremo in via definitiva.

Approfitto dell’invio della newsletter per porgervi i migliori auguri per le imminenti festività. Vi auguro di trascorrere momenti sereni e gioiosi assieme ai vostri cari.

(22/12/2017)