CORDOGLIO PER LA SCOMPARSA DI TINO MONTALTI


img-news

Mi unisco al cordoglio della città, porgo le più sentite condoglianze alla famiglia, alla moglie e ai figli di Tino Montalti, antifascista, politico, amministratore, insegnante e un punto di riferimento della sinistra cesenate. Ha servito con disciplina e onore la sua città, è stato un assessore al bilancio competente e attento, e alle qualità tecniche ha unito una grande passione per il bene pubblico e la politica.

Sono tanti i ricordi che mi legano a Tino Montalti: eravamo vicini di scranno in consiglio comunale, abbiamo lavorato assieme in giunta e per me è sempre stato d’insegnamento. Quel suo modo di fare estremamente semplice, quella dedizione alla buona amministrazione, mi hanno sempre colpita. E poi sono sempre stata interessata alla sue vicende giovanili, quando appena sedicenne con i suoi compagni di scuola aveva intrapreso l’attività antifascista, un’attività per cui venne espulso dalle scuole del Regno.

Ma poi a scuola ci rientrerà da insegnante, come tanti cesenati lo ricordano. Ho incontrato per l’ultima volta Tino qualche mese fa in sella alla sua inseperabile bicicletta. Ci siamo fermati a parlare a lungo, voleva sapere della mia esperienza in Senato, dimostrandomi anche in quell’occasione una grande vicinanza e affetto. Un bel ricordo, uno dei tanti a lui legato, che conserverò nel mio cuore.

(26/04/2017)